boh… nell'attesa….

http://www.facebook.com/v/215678752533

Annunci

lispstick clip dadaista

arriva, arriva, arriva!

uno spazio perfetto, non dare nulla per scontato

risposte confuse, alcol e sorrisi?

dove sei?

arriva, arriva, arriva!

ehi, ma mi vedi?

no, non ti vedevo, ci sono spazi che non immagini

di integrale non c’è solo l’abbronzatura

sembra, ma è molto più divertente

come una lettura estiva o una torta di cioccolato con panna

spremiti le meningi più d’estate, dell’estate stessa

colore mutande?

facile perdere la testa apprezzandone il portamento

lontani dalla pioggia ma non dagli sguardi indiscreti

me nessuno è nel padiglione

cattiva ma non velenosa, buona ma non melensa

quando la pressione è bassa

filosofie a confronto sulle grandi passioni

nylon o seta?

frenare diventa un’impresa

arriva, arriva, arriva!

Il tempo delle rivoluzioni è finito

ma che bello vivere l’atto secondo

pressa e bagna bene

ehi si, si è contatto ed aderenza!

Senza istruzioni per l’uso anche le parti sono ok

quale sostanza favorisce la germinazione?

Cinque ore di sole al giorno

yogurt magro

imprudente chiarito acuto
Il tempo non è ora pronto a esami contabili
La cucina buona in stile libero
E sono ancora dehor e ancora come se fosse ciclico vivere
l’attesa e la coscienza dell’intuizione vera
perché cambi la tua casa ma c’è una cosa che proprio non riesci a cambiare
in leggero anticipo la maturazione
tavolo in legno massiccio,  vetro temperato
sedie sfoderabili, cotone colori vari
due caffè, si può
Il profumo è l’anticamera del sapore
senso componibile, pezzi a incastro, vario nobilitato sentire
l’appetito l’appetito l’appetito
infiamma al buio inverno, alle acque dato
un attimo sganci il moschettone e guardi
e queste strade sembrano d’angeli popolate
verrebbe d’augurarsi l’emergenza continui
sarà un’ecografia salvifica?
Yomo desiderio, lo yogurt sano,buono come un dessert
vincere facile, parto fai da te

il sonno ti cambia la vita

scritta più un anno fa: il 27 maggio 2007 è stata pubblicata in sleepers

ancora nell’altra vita…  cosi da chiudere il cerchio con bozza di sonno…

i cerchi vanno chiusi… credo
->the sleepers http://thesleepers.wordpress.com/2007/05/27/il-sonno-ti-cambia-la-vita/

Il sonno ti cambia la vita

(Disturbi dell’addormentamento e della continuità del sonno, specialmente su base ansiosa. Le benzodiazepine e gli agenti benzodiazepino-simili sono indicati soltanto quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio. In caso di trattamento prolungato la somministrazione non deve essere sospesa bruscamente, dato che i disturbi del sonno potrebbero temporaneamente ripresentarsi con intensità più elevata…)

Avevo 15 anni la prima volta che ho incontrato il Minias.

Non dormivo.

Forse dormivo.

Male…

(Salvo diversa prescrizione medica la dose singola nell’adulto è di 1-2 mg. Nei pazienti anziani la dose singola è di 0,5-1 mg. Il trattamento dovrebbe essere iniziato con la dose consigliata più bassa…)

Per molto tempo, in estate, per addormentarmi arrotolavo il lenzuolo intorno al corpo.

Intorno alla gola, stretto, usciva solo la testa.

Cosi non avevo paura.

Un fagotto, il lenzuolo non posava sul mio corpo….

Mi ci avvolgevo, ne passavo i lembi e i lati sotto.

Una sacca senza liquido amniotico.

Evidentemente, c’era qualcosa che non andava…

Si, c’era.

(Ipersensibilità accertata al medicamento. Miastenia grave. Glaucoma ad angolo stretto. Grave insufficienza respiratoria. Sindrome da apnea notturna.)

L’inverno, una serie di sciroppi e un anno perso a scuola.

Poi, all’inizio dell’estate, la parola magica: benzo…

Per sei giorni, non di più.

Funzionava, io dormivo…

Per sei giorni mezza pasticca.

Poi le rubai, finirono.

(L’uso di benzodiazepine può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica e psichica da questi farmaci. Il rischio di dipendenza aumenta con la dose e la durata del trattamento; esso è maggiore in pazienti con una storia di abuso di droga o alcol. Una volta che la dipendenza fisica si è sviluppata, l’interruzione brusca del trattamento sarà accompagnato da sintomi di astinenza…)

Perché, si, il sonno ti cambia la vita.

Ero passato da "Jekyll" ad "Hyde".

Prima "sembravo" un bambino prodigio.

Poi ero diventato un adolescente su una via delinquenziale…

Persi due anni al liceo, fortunatamente ero un primino.

Persi poi molte altre cose, strada facendo…

(Durante l’uso di benzodiazepine può essere smascherato uno stato depressivo preesistente…)

Il resto.

Usato da adulto.

Anzi gran parte delle volte abusato.

Fino, alcune volte, ai limiti della intossicazione…

Tanto da dovermene disintossicare.

Esattamente come un tossico.

Parlerò della mia vita in seguito.

E non, in questi termini…

(Come per le altre benzodiazepine, una dose eccessiva di Minias non dovrebbe presentare rischio per la vita, a meno che non vi sia assunzione concomitante di altri deprimenti del SNC, incluso l’alcol. Nel trattamento dell’iperdosaggio di qualsiasi farmaco, dovrebbe essere considerata la possibilità che siano state assunte contemporaneamente altre sostanze. Nei casi più gravi, i sintomi possono includere atassia, ipotonia, ipotensione, depressione respiratoria, raramente coma e, molto raramente, morte.)

veloce

sceso il quarto di lento e il vivace attuato
grato all’armonizzato lampo
e tra loro dirimpettai i colori
una monda differenza in mezzo 
dei corpi affiancati l’accordo, di forte e piano le successioni

porporino

capitali d’oriente in maximoto, a ciò calma inclusa
raro vitto a pasciuti stolti pensieri
modi mondi nei laici credi, i cibori in cui s’addentra attesa
deposti in una povera edicola tra realismi e fantasie
non lasciarsi andare, mai sospesi
insegue il giorno come gli uomini blu
tamburi e luci, colazione di lavoro
mondi in click, basterà un ombrello?
certa combinazione è ipotesi calma
medicamento fra terre, la sommossa del peperone
chitarra acustica profeta trance
gambe di corsa, tacco quindici
acqua senza fermo fisso a parte l’argine
baracche cover story, vita immaginifica
a levante di un mondo a ponente  di un redento nuovo
la casa del fu zen

effimero sulle scale

se fuggevole il costante transitorio e perpetuamente labile esteso
il viavai transitorio transiente da risoluto fissa stabili
o vero apparente si palesa in visibile al tatto effetto

bagnasciuga imbustato

dentro i criteri la concessione amabile fascia le linee
e lungo il mosso dell’imbarcazione dinanzi ai numerali
l’assettata soddisfazione può riferire accordo, conferma e compiacimento
opportuna davvero senza altro una scorta emersione
è l’azzardo veritiero del conveniente e dell’immorale
il frutto fiorente specifica la nota traversa e ne ripone a sbalzo la dote
lavata o riarsa
lo strato d’intinto nuovo lascia allo zampillo delle onde alla costa a turno sfiorata