68

se il dolcetto
ti scotta
appaiono di cuore
ghiotti
necessari in attorcigliati
però impegno
a giri snervati
amabili
figurano una trappola
verso il di te
piroetta esistenza
appaiono un po’ appena
infilarsi le dita nel naso
sul sofà spaparanzati
personal trainer ai capezzoli
accurati spassosi
freschissimi
sulla cute
la valva
di dentro rintocco
volta contiguità
emozione che le venature
sul significato del piacere
rendono
la dote che ha ogni livellato
di creare simile senso
profumo
non comune
aromi
fregi
traccia errante

67

è adombrato
di un tono
disposto al che
di lucente indorato
di sfumature cangianti
corpo color sabbia
ha chioma
l’ansimare dei pesci
mezzo di respiro
in specie
esseri acquatici
qualsivoglia solo azione
del vivere
questi teli vermiglio
di regola incantevoli ombrosi

66

tempo orario impari
consumare menzionato
cui interna profondità
arriva elaborata
delle cose
eventi seguire
tale tangibilmente
precisa
natura misurabile
fase a cui spettano
oltre o minore acquoso
le operosità determinate
a un momento
di si lo qualificano
quale salde
sgrovigliano beni
verso fare
istante idoneo
con reggenza orale
compatta un infinito dritto
di decisi
distinti dallo sciogliere
di realtà una linea
aggiunte difformità
sostanziali pure
idea pari
senza remota
con ancora passione
riferito vive attesa
di esserci ora tenera
se si fiata
indugio debito atteso
avanti erigere
in adempimento fra atti
tempo esperto
dovere perizie norme
prega la messa
azione di saldate
rialzo filmico
aggiuntivo basamento
covo in unica scena
ogni parte
fra archi esse
livree
libero di festa
giorno da valersi verso svago
atto esente carico esteso
tabella di nota
rinviato meriggio
visitato precisi
cantare pura solerzia
reale assetto
narrate struttura
dei precisi infilati
coeva creato
profilo in tela
di stato albeggiato
al minuto
passo questua
intervallo inconsapevole
estremo concesso
fine rinvio utile
fermarsi
movimenti massimo
a riposi
indugio massimo
giunto all’antico ossequio
tolti palini
valicato mezzi
per ascoltare
atto momento
causa amica
caso pertinente
forma di bel stare
buon darsi
lasciare ai diletti
leggerezza
andare
ritmica cantilena
tenere il giusto
pari peso
oltre speciale
alla dose breve di una voce
dimensione uguale
aria dei patti
l’insieme in luogo lungo
indicato presente
periodo
parola non pari
impari di cifre
in forma
corpo posto a doppia proporzione
incostante diversa
misura per valore
solitaria fogliolina composta
di foglia pennata
picciolo ultimo
strani possiedono un elenco
di sillabe impari
che è uguale ad ulteriore corpo
talune apparenza
perfino con sentimento
a piè pari
saltare
evitarla senza azzardo
decifrare
tralasciare
ma è parola con migliore vigore
debiti crediti
disciolto ogni declivio
conti livellati
dare e nell’avere
senza fine
stesso a se stesso
senza pareggiato
tortuosità o dislivelli
cifra pieno divisibile
giusto per due
auscultare
accogliendo piacevolmente nell’animo
cura
impari tempo

65

dentro opera
stato d’idea veste vita
e
all’avvio ritaglio di senno
spoglia dell’indiviso……………persona……………
……………bozza di foggia
personale
si muta a lei
simbolo ragionevole
lampo cui vedute
luci
forme del vero
non vivono alcunché di saldo serrato
anzi operano scheggia
di una occasione oltre ampia
fiato mostrarsi intimo
nel cui si intercalano
fitte al sole
correlazione legittime
modi logici
corpo conosce
persuadere con la sua contrapposizione
sicuramente
prepara un energico
riuscire d’incitamento
proprio di corpo affine
verso schegge inverse del vuoto
ogni corpo uno
questo che vive in fiato vivace
usuale espressività
il reso di esserci
……………tempo
uno riverbera
in forma successiva
sapendo reggere
ampia sanità di consiglio agli accurati dire

64

canto romanza
la nascita provenzale
canterello speso
durante nature nobili
a propria sagoma
oltre…………….
colto come breve
non chiarita
misura è fatta!
con metro
ambienti compiuti
pari
nella mente voci
endecasillabi variati…………….
succintamente
scortati i settenari
sottile in questo
è espressa un tono
più veloce
saluto o arrivo
lungo svolto
il curvare…………….
novello dritto al canto
da lei si accoglie
dirigendola a corpo
pindarica di canto
con la metà di nostro
l’aria è pure affrancata…………….
è una separata scelta…………….
in lei ognuna dimora
è
veste tre frammenti…………….
si ostenta
valido corteo
al ballo fitto
sereno e brioso
non tiene vuoto
l’accento al pensiero
di spartiti
sue forme di voce
la tale chiamata a danza
canto di astanti
piena di nativo fresco
soluzione fatata
in musica
ballata era attuale il parto delle danze

63

frasi in garbo
compagno concetto
nel parlare didascalie
un collettivo di frasi
sintattico
in basi identiche
che giudizio nel codice
l’accordo di verbi
tiene la tale carica
per periodi
di un pettegolezzo
di sonno dorme
volto efficace
marmorea ritratta
nell’ fatto di assopirsi
giovinetti di efeso
attimo la mitologia
dal corpo ascoltato
colto senso
generato dalle scosse
di un massa flessuosa
cui si spargono colla brezza
di tondeggianti marosi
il personale sigillo
pronunziate attimo
catena razionale
porta senso finito
parola perifrasi
didascalie o pronunziate
attimo un legaccio
corda rigoroso e sintattico
ha sentimento ultimato
sistema di raccontare
citati rilevante sorte
dormiente città
area di dilatazione
fittamente occupata
colma di eretti
di piste e di larghi
occupazioni armata
di platee
e d’ogni altra cosa
che ordinata e volta
una stessa ospitata
disposta il baleno
linguaggi
poveri di banalità
spazi di tutti
in modo dei timbri
ognuna scheggia
di una amalgama
diventa
perifrasi rivelazione
detti sorte
forma nel ribadire
linguaggi nudi
di tutti punti audacia
dentro opera
ogni porzione di u lega
tiene la tale carica
di perifrasi rivelazione
detti sorte
forma di ribadire
linguaggi nudi
punti audacia di tutti
dentro opera
degli incisi di un dialogo
periodi di un pettegolezzo
suono
periodi di un pettegolezzo
suono
dall’ corpo colta
dell’ascoltato senso
generata dalle scosse
di un massa flessuoso
cui si sparge con la brezza
col tondeggiante maroso
il personale sigillo
di uno mezzo suono naturale
specifici enti
al suono di..
a suono di..
corteggio melodico
l’iniziato alla loggia
non afferra pezzo
dell’opera alla vita
della fratellanza
asse sopra un solco
supplisce da molli alzate
le corde pari temporaneo
dal corpo
dell’ascoltato ora
senso colto
rigenerata dalle scosse
di un massa flessuosa
cui si sparge con la brezza
del maroso tondeggianti
il personale sigillo
di ì mezzo
se suono naturale
specifici enti
al suono di..,
a suon di..
con corteggio melodico
di sonno dorme
volto efficace
marmoreo ritratto
nel attuato assopirsi
giovinetti di efeso
attimo la mitologia
canto colmo di confezionati
cascare l’acqua dal firmamento
con piattamente simile
e foggia i momenti variegati
esistere o possedere
a altra che si brama
unico segnare
il caso o iniziare
di sentieri e di slarghi
alla propria linearità
intero ciò che precipita o viene in abbondante dovizia
zona di estensione rilevante
fittamente occupata
armata di occupazioni platee
e d’ogni altra cosa che ordinata e volta
una stessa ospitati
sono disposti baleno
criteri di autogestione
pioggia tiene la tale carica
periodi di un pettegolezzo
suono
dall’ corpo dell’ascoltato senso colta
generata dalle scosse
di un massa flessuoso
cui si spargono con l’ brezza
con maroso tondeggianti
il personale sigillo
di uno mezzo
suono naturale
specifici enti
al suono di..,
a suon di..
con corteggio melodico
dormiente città
a altra che si brama
unico segnare
il caso o iniziare
alla propria linearità
intero ciò che precipita o viene in abbondante dovizia
zona di estensione rilevante
fittamente occupata
colma di fabbricati
di sentieri e di slarghi
armata di occupazioni platee
e d’ogni altra cosa che ordinata e volta
una stessa ospitati
sono disposti baleno
criteri di autogestione
pioggia cascare l’acqua
dal firmamento
con piattamente simile
foggia i momenti variegati
esistere o possedere
a altra che si brama
unico segnare
il caso o iniziare
alla propria linearità
intero ciò che precipita o viene in abbondante dovizia

62

venire rinvigorendo
l’affusolato…
si avverte
alla fase
viva
la chiamata pari
aguzzarsi qualità
è capace
di premure
l’inteso campo………..
………..vivere istintivo………..
ascoltato con gli indivisi sensi
doti operose
della realtà
che sa
di indubbio………..agi medi
neppure un alto dosso
in intimo di modi chiari
adeguatamente
misura e stime
si mostrano segnare un caso
intatto alle proprie diversità
di ricondurre i danni
pur qualora limite
soggetto a mutamenti
ancora………..
frutto o azione
amore imparziale
in riflessione?
ad apprendere flesso
con ampia forza
l’agitazioni ai sensi
segna………..
a provare pendio
dei beni riesce
d’impeto pieno
questo essere vivo
apice ultimo
spiega la finito consegna
ai segni irruenti………..
………..spingersi nelle nostre divinazioni………..
………..penetrando appena………..
guglia coito porta tono
della ragione ad altro
aperti da diritta a manca
il sintomo segnato
suggerisce serrate
le loro voci
dentro le severe
forme… sottostanti………..
………..canto esposto
la voce eleva dal frammento melodioso

61

il sole batte fuori
un tempo che non
gli appartiene
dal nido osservo
ante chiuse
confluenza aggiunta
esposizione concreta
e il credere amabile
incita scelta
durante semine
con porzioni
successioni agili
non legate
quella musica cola
sembra non finire
qui
in un ascensore fermo
sorta esposta
i toni
segni del suono
evidenti a razione
come dal passaggio
occhi
sguardi veloci
doti del mattino
nel giaciglio
delizie miscelate
svolte nelle proprie
opere
nell’intimo di pelle profana
mani sinuose
nel cuore sensate
esposizione private
di gioia membro
inviato alla parte
date dall’insieme
energico del semplice
luccichio
in mezzo l’occasione
lo stabilire nessi
foglie fra creati

60

La voce si lega
A mani piene
D’acqua
Intingo i pennelli
Per colori che non vedo
radice della scena
quindi
Odori pregni
Sotto in cortile
giocano le foglie
a rincorrere venti
appena soffiati
cucitura in opposizione
si ostinava a cedere voce
agitando i sonni
pomeridiani
di qualcuno
senza sogni
la cucitura in opposizione
si ostinava a cedere voce
benché
ciò pesi in seguito
al perno del sollazzo
forse
solo privi
di voglia
di raccontarli
come lontani
coiti
musiche e volti
eri certo mezzo
il gingillo del rifugio
veste invero la sorte
appare ripetuto
indivisa soluzione
presentarsi proprio
anzi tipico
desiderio il curare i più incostanti venti

59

rivelazione
impianto atto
a concepire via
il segno venturo
dalla razione degli auspici
ora speranza
suggello precursore
……
attesa
impegno
Voglia
i dondolii sonori
mutare
in partenze rotanti

…………
deposito un bene
vedo
passare in senso
intanto vestire
a distesa la voce naturale ………
……….senza fatica giunge……
aggiunti timbri…………..
fondato appena
un ascolto
incontro intimo
si ricambia
visibile ancora
mentre mattino
accoglie
e per un ovale,
combinatore efficiente……..
con il cui attrezzo
di facoltà palese
si fa
semplice certezza
penetrare
unico o maggiormente
corrispondenza
segmentata in frivoli
contrassegni
leggerezza connessa alla maglia
sentiero un organismo
vasto dei corpi
generatori